www.decanatodicondino.itwww.decanatodicondino.it
info@decanatodicondino.itinfo@decanatodicondino.it
Da vedere, ascoltare e riflettere ....
Copyright © 2016 by "DECANATO DI CONDINO" - Tutti i diritti riservati
Privacy Policy
Cookie Policy
Messe festive nella Valle del Chiese
Il Vangelo della Domenica
SABATO E VIGILIE
ore 18.00 Bondone, Por
ore 20.00 Bersone, Brione,
Darzo

DOMENICHE E FESTE
ore 9.00 Agrone, Castel Condino, Prezzo
ore 9.30 Baitoni
ore 10.30 Condino, Creto, Daone
ore 11.00 Lodrone
ore 20.00 Cimego, Praso,
Storo
Scarica la nuva App gratuita
ORARI SANTE MESSE
della VALLE DEL CHIESE quindi fotografa il QR Code  oppure  vai all'indirizzo 
www.mondials.com/MESSE-CHIESE.html
usando il tuo  smartphone!
Se hai telegram e vuoi ricevere tutte le settimane il foglietto degli avvisi  o altre comunicazioni direttamente sul tuo cellulare iscriviti al canale Parrocchie della valle del Chiese.
https://t.me/parrocchiechiese
 
Parrocchie della Valle del Chiese - Diocesi di Trento
Parla con noi ... Ti ascoltiamo!
Per un supporto morale …
Per sentirti accolto e ascoltato …
Per avere informazioni …
e per altro ancora …

Gli operatori  del Centro di Ascolto della Caritas Valle del Chiese sono a disposizione tutti i MERCOLEDÌ dalle 15.30 alle 17.00

Non esitare, chiamaci!

Scarica la locandina delle Sante Messe prefestive e festive

Con gli occhi di Dio
Maggio mese del Rosario
 
Messa del Crisma
 
Nel mese di maggio, mese per eccellenza nel quale il popolo di Dio esprime con particolare intensità il suo amore e la sua devozione alla Vergine Maria. È tradizione, in questo mese, pregare il Rosario a casa, in famiglia.
Lo si può fare insieme, oppure personalmente; scegliete voi a seconda delle situazioni, valorizzando entrambe le possibilità. Ma in ogni caso c’è un segreto per farlo: la semplicità.
Il termine Rosario significa "corona di rose": ogni volta infatti che recitiamo con il cuore una Ave Maria è come se donassimo alla Vergine Maria una bella rosa. Se la rosa è la regina dei fiori, il Rosario è la rosa delle diverse forme di devozione, perchè riporta in modo sintetico tutta la storia del piano di salvezza di Dio per gli uomini. Non per nulla in tutte le apparizioni la Vergine Maria esorta gli uomini a recitare il Rosario.
Maratona di preghiera
Saranno trenta Santuari, rappresentativi di tutto il mondo, a guidare la recita del Rosario ogni giorno del mese di maggio in una maratona di preghiera dal tema: “Da tutta la Chiesa saliva incessantemente la preghiera a Dio”, per invocare la fine della pandemia. L’iniziativa, nata per vivo desiderio di Papa Francesco, ha lo scopo di coinvolgere tutte le famiglie e le comunità della recita del Rosario.
La preghiera sarà aperta da Papa Francesco il primo maggio e sarà conclusa da lui stesso il 31 maggio.  Il Santo Rosario verrà trasmesso in diretta sui canali ufficiali della Santa Sede alle ore 18.00 ogni giorno.
Abbracciamo con gioia l'invito del Santo Padre  ...
"Il Rosario è una lunga catena che lega il cielo alla terra… con il Rosario si può ottenere tutto. Aggrappatevi al Rosario come l'edera si attacca all'albero, perché senza la Vergine non possiamo reggerci in piedi"

Locandina maratona rosari

Sussidio per la recita dei rosario

Il Vangelo di domenica 16 maggio 
Ascensione del Signore - Marco 16,15-20
Commento di padre Ermes Ronchi
L'ascensione di Gesù nel profondo della mia esistenza
Con l'Ascensione Gesù non è andato altrove o in alto, è andato avanti e accende il suo roveto all'angolo di ogni strada. È asceso il Signore, ma non nel grembo dei cieli, bensì nel profondo della mia esistenza, «più intimo a me di me stesso» (Sant' Agostino): «agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che l'accompagnavano».
«L'Ascensione non è un percorso cosmico ma è la navigazione del cuore che ti conduce dalla chiusura in te all'amore che abbraccia l'universo» (Benedetto XVI).
A questa navigazione del cuore Gesù chiama un gruppetto di uomini impauriti e confusi, un nucleo di donne coraggiose e fedeli, e affida loro il mondo: E partirono e predicarono dappertutto... Li spinge a pensare in grande e a guardare lontano:  il mondo è vostro. E lo fa perché crede in loro, nonostante abbiano capito poco, nonostante abbiano tradito e rinnegato, e molti dubitino ancora. E quanta gioia mi dà sentire che ha fiducia in me, in queste mie mani, in questo mio cuore, più di quanta ne abbia io stesso; sa che anch'io posso contagiare di cielo e di nascite chi mi è affidato. Ma è davvero possibile? ...
Giovedì 6 maggio una nuova tappa del percorso di preghiera vocazionale diocesano “Con gli occhi di Dio“. La veglia guidata dall’arcivescovo Lauro – in parallelo ai momenti organizzati nelle comunità parrocchiali su una traccia condivisa – è stata rilanciata anche in diretta audio, consentendo così a molti anche da casa di unirsi alla preghiera, alimentata dalla Parola di Dio, in particolare il Vangelo di Giovanni (Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore…”).
Possiamo respirare l‘aria di Dio“, sottolinea don Lauro in un passaggio della sua meditazione, richiamando anche la recente celebrazione pasquale delle Chiese ortodosse. “La notizia è straordinaria: siamo messi in condizione di fare l’esperienza dell’Amore esistente  tra il Padre e il Figlio. La prima lezione della Parola e dai fratelli dell’Oriente – sottolinea l’Arcivescovo – è il dire basta con il realismo che è la cosa più ‘irreale’ che c’è. Basta con il mettere confini ai desideri e alle aspirazioni, dobbiamo pensare in grande e sognare in grande”. L’Arcivescovo legge in questa difficoltà la chiave di lettura della crisi vocazionale: “Se siamo senza speranza è perché abbiamo perso la dimensione del desiderio, del sogno di Dio. Ma Gesù ci assicura: ‘Chi crede in me compirà le mie opere e ne farà di più grandi’. Tutti sono in grado di respirare l’aria di Dio. Nessuno deve sentirsi tagliato fuori. Per Dio – ribadisce don Lauro – non esistono persone scartate, finite”.
Prossima tappa di “Con gli occhi di Dio“: giovedì 1 giugno ad ore 20.00  nella chiesa parrocchiale di Predazzo.
Giovedì 13 maggio ad ore 9.30 in cattedrale a Trento Messa del Crisma, posticipata causa Covid.
La celebrazione verrà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube della Diocesi (raggiungibile dai portali diocesani) e su Telepace Trento (canale 601).
La s. Messa vede il convenire del clero attorno all’arcivescovo Lauro con al centro il Cristo sommo sacerdote. I ministri ordinati rinnoveranno davanti all’Arcivescovo le loro promesse sacerdotali. Durante la celebrazione si rinnoverà anche Il rito della benedizione degli Oli: insieme al Crisma, sono benedetti anche l’Olio dei catecumeni e l’Olio degli infermi.  Per partecipare alla celebrazione è necessaria per tutti, sacerdoti e laici, la prenotazione che si potrà effettuare entro martedì 11 maggio presso la Segreteria Generale della Curia diocesana (tel. n. 0461. 891.200 mail: segreteriagenerale@diocesitn.it) fino ad esaurimento dei posti. Per evitare assembramenti sarà riservata l’entrata per i laici dalla “Porta dei leoni", per i sacerdoti dall’ingresso principale in via Verdi.
continua ..
RIASCOLTA LA VEGLIA